fbpx

Il multistrato è un semilavorato di legno a strati sfogliato dal tronco dell’albero. Appartiene alla grande classe dei pannelli stratificati o multistrati, i quali si distinguono per la robustezza derivante dall’orientamento incrociato dei vari strati di legno.

Uso il multistrato di betulla perché è uno dei materiali più uniformi che si presta a questo tipo di lavorazione e, oltre ad essere uno dei multistrati più pregiati, ha buone caratteristiche di resistenza e leggerezza.

Oltre al multistrato di betulla cerco di usare materiali nobili, di qualità e interamente riciclabili come l’acciaio, l’alluminio, il vetro o il cartone. Raramente uso la plastica, il nylon o le vernici fatto salvo per richieste e usi specifici. Per fare un esempio i trasformatori delle lampade sono in plastica, le ruote dello scrittoio o del porta biancheria sono in plastica, il nastro adesivo e la pellicola che uso per gli imballi sono in nylon.

Acquisto i pannelli provenienti da foreste auto gestite, i pannelli che acquisto sono certificati e in classe E1, li levigo per avere una superfice pulita e uniforme, poi li taglio con il laser e rifilo tutti gli spigoli per evitare scheggiature e dare armonia alle forme. Infine li assemblo usando solo viti in acciaio.

La definizione Eco Arredo o Eco Design è molto varia e spesso viene usata impropriamente, forse anch’io ne faccio un uso improprio ma lascio alle persone la facoltà di valutare e decidere. Qualcuno afferma che viti, chiodi e colla non siano proprio prodotti sostenibili, ma è anche vero che se gli arredi si rompono facilmente o non durano nel tempo diventano rifiuti e i rifiuti sono da smaltire. Credo che non esista un falegname o una falegnameria che possa fare a meno di chiodi, viti e colla.
Alcune cose certe però ci sono. Con il taglio laser si evitano le lavorazioni classiche fatte con il pantografo o le macchine utensili tradizionali, evitando cosi di usare frese e utensili che dovono essere prodotti e affilati usando inevitabilmente oli emulsionabili e liquidi di raffreddamento che devono poi essere smaltiti.
Altra cosa certa è che gli Eco Arredi RIR non sono bordati sui lati (la parte scura) evitando così di usare colle, bordi e frese per la lavorazioni meccanica della bordatura.  Altra cosa certa è che la linea di Eco Arredi RIR è pensata per durare nel tempo e possono essere montati e smontati con semplicità favorendo così una raccolta differenziata mirata e di alta qualità.

Ogni oggetto può essere ordinato e acquistato anche in piccoli lotti. Per fare ciò usate la voce del menù contatti specificando cosa vorreste acquistare, quanti pezzi e che tipo di personalizzazione vorreste. Vi risponderò facendovi la mia migliore offerta.

Sì. Gli Eco Arredi RIR possono essere personalizzati in diversi modi: Un modo è l’incisione laser che si presta per incidere simboli, loghi, marchi, nomi o disegni su oggetti di piccole e medie dimensioni. Altro modo per personalizzare è la stampa digitale adatta per formati più grandi e per grafiche vettoriali. Altro modo è il decoupage, infatti gli Eco Arredi RIR sono sempre levigati e si prestano perfettamente a questa tecnica. Altro modo è la verniciatura con impregnanti e vernici all’acqua offrendovi così la possibilità di scegliere fra una vasta gamma di colori.

No, al momento non ci sono punti vendita ufficiali per questa linea di Eco Arredi.

 

Sì. Un commerciante può rivendere quello che acquista nel sito senza la mia autorizzazione. Si deve comunque attenere alle leggi e alle regole che regolano il commercio in Italia e non deve screditare i prodotti e il marchio della mia azienda. Potete comunque contattarmi e prendere accordi prima.

Sì. Anch’io sto lavorando ad una linea d’arredi più complessi per allestire stand e negozi ed arrivare ad avere uno showroom completamente sostenibile e green. Inoltre progetto e realizzo anche per terzi campionature e prototipi. Per maggiori informazioni usate il modulo contatti che trovate nel menù del sito.

Nella fase di progettazione e prototipazione, per mantenere dei costi relativamente contenuti, il mio consiglio è di progettare dei pezzi che siano componibili e che non superino queste misure: 75 cm x 150 cm. Comunque è possibile andare oltre.

Add to cart